Cosa significa engagement? Il termine engagement significa coinvolgimento.

Ne sentiamo parlare sempre più spesso negli ultimi anni perché legato al mondo digital, in particolare a quello dei social network.

Cos’è l’engagement social?

L’interesse di un’azienda che si apre al mondo digital/social ha svariate motivazioni, di cui abbiamo parlato nell’articolo Perché essere online: i migliori social network per aziende. In questo articolo vi raccontiamo, se avete un vostro business, l’importanza di essere sui social. Ma non è solo importante ESSERCI. L’importante è far sì che i social, per il motivo per cui sono nati e sussistono, siano mezzi di comunicazione sociale!

Engagement: come parlare agli utenti

I social nascono per mettere in contatto gli utenti che vogliono sbirciare nella vita degli altri, divertirsi, passare il proprio tempo morto.
Le aziende hanno fatto il loro ingresso più tardi ma, pur dovendo fare i loro interessi (quindi commerciali), devono stare al gioco in cui si trovano.
Essere social, essere smart!
Ecco perché molte volte, chi lavora in agenzie di comunicazione, fatica ancora a scendere a compromessi con le aziende. Perché ogni medium ha un linguaggio differente, e il linguaggio social non è – e non deve essere – quello di un sito internet e neanche quello che utilizzate in azienda. Nello specifico si parla di tone of voice, di quella tipologia di comunicazione che si sceglie (o si dovrebbe scegliere) di utilizzare in variazione del mezzo.

Engagement social media

Engagement: come crearlo

Dopo aver parlato del perché essere sui social, perché utilizzare un tone of voice specifico per ogni mezzo, ora veniamo finalmente a noi!

Come creare engagement? Questa è la parte più difficile di tutte! Se vi abbiamo convinto ad aprire una pagina, ad impostare un vostro linguaggio mediatico, ora veniamo all’engagement. Se con le azioni precedenti avete fatto VOI dei passi, l’engagement è qualcosa che dovrete RICEVERE! E dovete auspicare di ricevere!

L’engagement può essere di varie tipologie:

  • like;
  • commenti;
  • condivisioni.

Hanno tutti e tre dei pesi differenti. Perché oltre al nostro ritorno (economico o di visibilità) in tutto questo c’è anche Mr. Facebook che in base all’engagement premia o meno la vostra pagina.

I like hanno un’importanza vaga. All’azienda indica innanzitutto la copertura (fattore assolutamente non da trascurare) cioè che quel contenuto è apparso sulla home page dell’utente che segue la nostra pagina. Ma non aspettatevi che abbia dato così tanta attenzione al contenuto del post!

I commenti: sono la tipologia di engagement che a Facebook piace di più! Gli utenti interagiscono direttamente con il post in questione, sono interessati a scoprirne di più, a parlare con l’azienda, ad acquistare il prodotto. Di sicuro è il tipo di engagement che per l’algoritmo pesa maggiormente!

Le condivisioni: è il tipo che a noi (ma anche forse a voi) piace di più! Le condivisioni magari non ti faranno vendere, ma ti fanno crescere: in termini di like sulla pagina e popolarità! Sono una pubblicità gratuita che gli utenti fanno nei tuoi confronti.

alsolved

Hai già una tua azienda? Se già sui social? La tua pagina crea effettivamente engagement o è solo una pagina vetrina?
Speriamo di avervi insinuato dei dubbi da cui dovrete uscirne 🙂