Il social media management è l’amministrazione dei canali social di un’azienda. Molto spesso si sente parlare di questa figura mitologica che altri non è che il social media manager (SMM). Ma chi è costui e quali sono i suoi compiti?

Mettendo insieme le due frasi esposte qui sopra emerge che il SMM è colui che amministra i canali social di un’azienda. Il sillogismo risulta abbastanza chiaro. Ma molto spesso questa figura viene abbastanza sottovalutata e il suo lavoro sminuito, considerandolo un semplice postare su Facebook o su qualche altra piattaforma. Eppure il lavoro da SMM è molto più complicato.

Perché il social media management è importante per le aziende

Partiamo innanzitutto dal chiarire come si è sviluppata questa figura. Ad oggi il social media management è un’attività imprescindibile.

Essere online è fondamentale per farsi trovare dalla propria clientela. Provate un attimo a pensare a quando state cercando una determinata azienda. Non andate a controllare se esiste sul vostro social di riferimento? E che effetto vi fa se la sua pagina non è curata, i post sono vecchi e i prodotti non sono aggiornati? Probabilmente penserete che vi è disattenzione e anche a livello inconscio la vostra reputazione dell’impresa calerà.

Abbiamo già visto nell’articolo Perchè essere online: i migliori social per aziende, che i social network sono diversi e che ognuno di essi ha un modo diverso di relazionarsi con gli utenti che lo popolano. Quindi il social media manager deve innanzitutto conoscere le differenze tra le varie piattaforme. Un passaggio che sembra scontato ma non lo è.

Di seguito vi riportiamo un rapido schema che consente di distinguere ogni social in base alla sua funzione.

Il compito del social media management parte quindi da un’attenta analisi dei social. Il SMM deve essere costantemente aggiornato sulle novità e soprattutto conoscere il pubblico che vive su quei social network. Solo partendo da queste basi può strutturare una strategia ad hoc per ciascuna piattaforma. Ogni social ha regole diverse e pertanto il modo di comunicare per ognuno deve essere diverso.

Social media Management: gli 11 passi da seguire

Recentemente in un articolo di un magazine americano sono stati sottolineati 11 passaggi che sono necessari per far sì che il social media management sia di buon livello. Vi riportiamo di seguito quali sono e in cosa consistono.

1 Definire una strategia

Come già detto è parte fondamentale e imprescindibile definire una strategia. Nessun grande condottiero avrebbe vinto nulla se non avesse studiato il modo di vincere la battaglia. Lasciamo perdere un attimo il paragone militare e concentriamoci meglio su cosa si intende per strategia. Naturalmente ogni azienda ha degli obiettivi che intende perseguire e il social media manager deve concordare quali siano e aiutare l’impresa a raggiungerli, per cui è necessario delineare una strada che porti in maniera efficiente al nostro traguardo.

2 Gestire efficacemente il brand

La pagina social media deve riflettere il brand dell’azienda. Deve essere quindi creata in maniera coerente in modo da veicolare subito il messaggio dell’impresa.

3 Creare un calendario editoriale

Parte imprescindibile per il social media management è pianificare. Un calendario editoriale è ciò che più aiuta in quest’ottica per dare un’occhiata d’insieme ai post da pubblicare per non finire nel mare magnum del qualunquismo. 

4 Programmare i post

È buona prassi non postare solo all’ultimo momento, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Potrebbe capitare di trovarci ad essere scoperti nella pubblicazione di un determinato post. Per questa ragione è sempre meglio programmare i propri post, laddove sia consentito dal social network, ed avere una pubblicazione senza “buchi”.

5 Rispondere ai commenti

Vi è mai capitato di porre una domanda su un determinato prodotto di un’azienda e non ricevere risposta? Se avete risposto in maniera affermativa probabilmente capirete perfettamente perchè essere presente sui social e interagire con chi ci pone le domande è così importante.

Saper rispondere anche alle critiche in maniera educata farà aumentare non solo la percentuale di risposte della nostra pagina, che è comunque un segnale positivo, ma darà l’immagine di un’azienda che tiene davvero ai suoi clienti. In questo articolo vi diamo alcune dritte su come rispondere alle recensioni negative.

6 Monitorare le conversazioni

Oltre a partecipare attivamente al dialogo con i propri utenti per un buon social media management è necessario anche presidiare le conversazioni che in qualche maniera possono essere correlate con il nostro brand. Essere costantemente informati farà in modo di capire meglio i nostri clienti e saper rispondere prontamente alle loro esigenze. Bisogna quindi “abitare” il mondo del nostro target. Gruppi e forum sono terreni molto fertili per capire a cosa sono interessati i nostri potenziali Buyers Personas.

social media management

7 Controllare i propri follower

Sebbene possa risultare arduo e non tutti i social consentono di monitorarli in maniera così semplice sarebbe buona pratica anche seguire i propri follower e vedere quali sono quelli cui prestare più attenzione, come ad esempio gli influencer. Instagram e Youtube sono piattaforme molto proficue in termini di visibilità riflessa.

8 Organizzare campagne a pagamento

Non sempre è così semplice per una pagina aziendale farsi notare nel mucchio della concorrenza. Per questo motivo il social media manager deve anche curare le campagne a pagamento, avendo cura di definire un budget, selezionare un target di riferimento e monitorare continuamente in modo da settare una strategia anche per l’advertising.

9 Creare contest e concorsi

Organizzare dei piccoli concorsi a premi può incentivare i nostri followers ad essere più attivi sulla nostra pagina. Ricordate che quando c’è la possibilità di vincere qualcosa le persone tendono ad attivarsi velocemente. I concorsi sono importanti anche per farci conoscere, attraverso condivisioni, commenti e like. Ecco perchè, sempre studiando il tipo di pagina che si ha e la clientela di riferimento, potrebbe essere un’ottima strategia quella di renderli partecipi e attivi.

alsolved

10 Fare report mensili

L’analisi dei dati è un momento pregnante di ogni buon piano di comunicazione che si rispetti. Riportando gli avvenimenti trascorsi e prendendoli in esame si può infatti considerare l’andamento della propria strategia e capire se ci si sta avvicinando ai propri traguardi o se è il caso di correggere il tiro.

11 Essere sempre aggiornati sulle novità dei social media

Viviamo nel mondo del cambiamento. Alle volte basta un semplice aggiornamento per fare in modo che ci sia un calo drastico delle prestazioni di una pagina. Ecco perchè il SMM deve essere continuamente aggiornato sulle novità e sapere come muoversi ogni volta che viene introdotta una novità.

Anche se il social media manager è una figura che ha trovato una sua identità solo di recente il suo ruolo è molto più che un mero postare sulle pagine dei social network. Ecco perchè negli ultimi anni è diventato un lavoro rilevante e fondamentale nell’ambito del digital marketing.