Se un sito o un blog e vuoi che questi vengano indicizzati da Google, devi imparare a scrivere articoli con l’ottimizzazione SEO.

L’ottimizzazione SEO è un metodo di scrittura per il posizionamento di articoli, siti internet, pagine specifiche sui motori di ricerca senza ricorrere alla SEM, ovvero la sponsorizzazione tramite parole chiave. È il modo per intercettare lettori interessati al tuo argomento e per far sì che Google indicizzi il tuo sito.

Scrivere un articolo con l’ottimizzazione SEO sarà per te un’attività molto bella e interessante. Se sei tu il proprietario di ciò che vendi conoscerai benissimo il prodotto di cui stai parlando. Migliaia di persone al giorno fanno ricerche su internet: per svago, per necessità o perchè vogliono acquistare un prodotto. Avere un blog costantemente aggiornato che tratti di un argomento specifico significa essere un punto di riferimento per il tuo pubblico. Questa fase fa parte di una dei 4 step del Marketing Funnel, ovvero conquistare l’interesse del tuo potenziale cliente.

Ma torniamo a noi e iniziamo con le basi per scrivere un articolo attraverso l’ottimizzazione SEO.

 

Scrivi un articolo interessante

Se hai un sito/blog specifico conoscerai qual è il tuo target di riferimento. Interrogati su quali sono gli interessi dei tuoi lettori e fornisci loro contenuti esaustivi e facilmente comprensibili. Un articolo che catturi sin dall’inizio l’attenzione del lettore fà sì che tu non sia vittima del bounce rate, ovvero il tasso di abbandono dell’utente. Se questo avviene Google penserà che il tuo articolo non sia così importante e penalizzerà la tua posizione sul motore di ricerca.

ottimizzazione seo

Analisi: la ricerca delle parole chiave

Quando scrivi un articolo SEO oriented ricorda sempre qual è il tuo scopo: far conoscere il tuo brand agli utenti e posizionarti in alto sui motori di ricerca. È indispensabile quindi che, perché i tuoi utenti e Google ritengano che il tuo contenuto sia valido, tu riesca ad individuare quali sono le query più ricercate che abbiano un indicatore di traffico alto. Tool come Semrush, Google Search, Keyword.io sono strumenti che ti servono per ottenere le keyword specifiche per il tuo argomento.

Non solo interessante ma anche efficace

Per scrivere un articolo con l’ottimizzazione SEO non basterà però solo scrivere ciò che a te piace, che ti interessa o su qualcosa che vuoi vendere. Sarebbe troppo facile e non ci sarebbe neanche il divertimento della sfida e dell’impegno. Entriamo ora nella sfera pratica dell’indicizzazione sui motori di ricerca.

Le 7 tecniche per una buona ottimizzazione SEO del tuo articolo

1) Inserisci la tua keyword nel Tag Title

Hai scelto la keyword del tuo articolo! Che farne? Inseriscila all’interno del Tag Title: il titolo è l’elemento più importante per indicizzazione il tuo articolo. Questo aiuterà Google nel riconoscere il tuo articolo in riferimento alla keyword scelta e gli utenti, catturando la loro attenzione in base alle informazioni che cercano.

Ricorda che il numero massimo di caratteri del Tag Title deve rientrare tra i 50 e 60.

2) Meta Tag description

La Meta Tag Description è la stringa di testo che appare nella SERP sotto il titolo. La versione più recente ha aumentato il numero di caratteri fino a 320. Non è importante dal punto di vista del ranking ma è fattore indispensabile sia per l’indicizzazione di Google che per convincere maggiormente i tuoi utenti che quell’articolo risponde alle loro domande.

3) Il Tag Alt: come indicizzare le immagini

Il contenuto è importante ma sappiamo che anche l’occhio vuole la sua parte: anche negli articoli! Un modo per non appesantire il testo e renderlo più leggibile è inserire delle immagini all’interno del testo (potete usare siti come Pixabay o Unsplash per scaricarle gratuitamente o personalizzarle come volete con Canva). Questa volta uniamo il dilettevole all’utile perchè anche le immagini possono essere indicizzate, inserendo la nostra keyword nel Tag Alt.

4) Lunghezza dell’articolo

Non solo qualità ma anche quantità! Google guarda proprio tutto e la lunghezza dell’articolo è un altro fattore molto importante per lui! Se l’articolo è corposo significa che ne sai davvero di quell’argomento e al dottor G. questa cosa piace un sacco! Quindi rimboccati le mani e cerca di scrivere almeno 300 parole.

5) Personalizza la URL

Se hai due keyword forti, una più formale e una meno, puoi pensare di scrivere il Tag Title nella forma più formale e personalizzare la URL con una versione più “popolare” che rientri sempre tra le query più ricercate.

6) Snellisci la forma

Hai quasi finito, ma manca qualcosa. Il tuo articolo è scritto come lo farebbe un vero web copywriter e hai rispettato tutte le istruzioni del manuale d’uso. Per rendere più piacevole la lettura puoi mettere in evidenza in grassetto le parole più importanti così da permettere al lettore di saltare le parti che non gli interessano e arrivare direttamente a quello che gli interessa.

 

7) Costanza e condivisione

Cerca di aggiornare il tuo blog il più possibile, di ascoltare i bisogni dei tuoi lettori e di fidelizzarli. Più saranno interessati a ciò che leggono più saranno potenziali clienti. Inoltre non rimanere rintanato nel mondo di internet ma apriti al mondo dei social. Puoi iniziare con una pagina Facebook e condividere i tuoi articoli con gli utenti. Più il tuo articolo sarà letto, commentato e condiviso e più dottor G. penserà che avrai fatto un ottimo lavoro!

Non ti resta che scegliere un argomento e iniziare ad imparare a scrivere un articolo con l’ottimizzazione SEO!

Se non riesci a farlo, non hai tempo, o voglio ti suggerisco di rivolgerti ad una buona agenzia di comunicazione per raccontare la tua attività online!

alsolved